Attualità

“Milano, Europa” il nuovo podcast di Francesco Costa

(Clicca sull'icona se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi post)

Parlo sempre di serie tv, è vero. Ma ci sono alcuni prodotti multimediali che non posso non raccontare. In questo caso parlo di un podcast di Francesco Costa che si chiama Milano, Europa il cui pilot è partito venerdì 15 marzo.

Ora mi direte, ma chi è Francesco Costa? Francesco Costa è un giornalista, vicedirettore de Il Post (la testata online che è la mia principale fonte di informazione), che ho imparato a conoscere ed apprezzare grazie a Da Costa a Costa, una newsletter (+podcast) dedicata alla politica americana nata nel 2015 (potete recuperare qui).

Francesco Costa in questo nuovo progetto però non andrà oltreoceano e se proprio supererà un corso d’acqua, sarà un naviglio milanese. “Questo nuovo podcast si intitola “Milano, Europa” ed è un reportage giornalistico sulla città che è diventata la mia città, ormai così frequentemente al centro delle cronache e delle attenzioni del paese. Per mesi ho letto e ho studiato, ho accumulato chilometri e chilometri sul mio scooter, ho intervistato professori e studenti, imprenditori e sindacalisti, insegnanti e manager, attivisti e politici, oltre a tanti semplici cittadini, nel tentativo di ricostruire a che punto è questa città, e indagare i molti luoghi comuni positivi e negativi sul suo conto.“. Così Costa descrive il suo podcast. Ma secondo me lo sminuisce e di molto.

Chi un po’ mi conosce sa quanto Milano sia per me il Grande Amore. Perché io, di questa città in cui vivo da 5 anni e di cui credo di conoscere praticamente ancora nulla, ne sono innamorato. Milano mi ha dato casa, mi ha dato lavoro, ma non solo. Milano mi ha dato un posto in cui sentirmi libero, sentirmi realizzato: il suo cosmopolitismo, la sua apertura all’altro, al confronto e alla sperimentazione, hanno per me significato non sentirmi più stretto in un posto in cui non trovavo né spazi, né stimoli. Non lo dico per fare classifiche, ognuno può star bene in qualsiasi città grande e piccola che sia. Ma per me trasferirmi a Milano è stato come trovare finalmente la strada di casa. Una casa che non avevo conosciuto altrove.

E questo amore per Milano, questa storia di una infatuazione dolce e profonda, sono all’interno della narrazione di Francesco Costa. Ascoltando il podcast mi sono commosso, perché sebbene Costa sia un giornalista (con la G grande) nel parlare di Milano mette la cura e l’attenzione di chi parla di qualcosa a cui tiene molto. Sembrerà esagerato, forse addirittura stupido, ma mi sono commosso mentre ascoltavo. Non potevo non suggerirvi di ascoltare questo podcast sia che a Milano ci abituate o ci abbiate abitato, sia che viviate altrove. C’è tanto dell’Italia che potrebbe essere qui a Milano. E non fa male scoprirlo.

La domanda che ora mi farete è “ma come lo ascolto un podcast?”. Cercate la app podcast su iPhone, Podcast su Google Play o altrimenti ci sono Spreaker, Storytel, Spotify (ma ci son tante altre app eh!). A quel punto vi basta cercare Piano P o Francesco Costa o Milano, Europa. Mettete le cuffiette ed il gioco è fatto. Se poi dovesse partirvi il trip dei podcast, qui trovate un post interessante su quelli italiani più belli. Io vi consiglio chiaramente Da Costa a Costa, ma anche Lo Stato dell’Unione a tema UE, Konrad de Il Post e Risciò sulla Cina.

Commenti

(Clicca sull'icona se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi post)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *